La regista si approccia a una materia tanto semplice quanto narrativamente difficile con grande naturalezza, dando spazio anche all'evocazione della parola, che spiega il sentimento, la gioia, il desiderio.

Emanuela Di Matteo, Silenzio in sala, Le Grand Bal
/ / Rassegna Stampa